LA LOCANDA DELLE GIARE

Ci sono luoghi in cui , solcata la soglia ci si sente a casa propria, soprattutto quando si è accolti con cordialità e cortesia. Uno di questi è la Locanda delle Giare a Specchiolla di Carovigno (Br), un ristorante elegante, con una meticolosa cura per i dettagli che lo rendono raffinato pur nella sua semplicità. Le molteplici proposte della cucina dello chef Francesco Sacco con l’utilizzo di materia prima freschissima, riescono a esaudire le richieste dei palati più esigenti e curiosi. La Locanda delle Giare si affaccia sul mare quindi il menu privilegia piatti a base di pesce con una ricca varietà di portate tra primi e secondi piatti: tagliolini ai ricci di mare, maltagliati ceci neri della Murgia e cozze, grigliate di pescato del giorno e tanto altro.

Non mancano pietanze di carne, verdure rigorosamente di stagione e preparazioni per quanti abbiano particolari esigenze. Chi dovesse preferire una buona pizza potrà scegliere tra gli invitanti suggerimenti del menu pizze. I collaboratori di sala, con professionalità, garbo e gentilezza, contribuiscono a rendere ancor più piacevole la permanenza nel locale. Non da meno è la cantina seguita e rifornita da Alberto Mastrototaro, esperto degustatore Onav, nonché Ceo e Founder, il quale cura la carta delle birre, dei vini e dei distillati, presentando etichette locali, nazionali ed estere. La Locanda delle Giare è parte del Villaggio – Camping Pineta al Mare. Il villaggio, sorge su un parco di 55.000 mq di pineta, lungo la costa adriatica, a pochi chilometri da Brindisi. Esso offre comodi bungalows in muratura, dotati di ogni conforto e una vasta area riservata al campeggio, piscine per adulti e piccoli, idromassaggio, ludoteca, animazione, teatro…

Tutta l’organizzazione per questa particolare estate 2020, segue le normative anti covid. La struttura è vicina ad alcuni dei meravigliosi luoghi di cui la Puglia è ricca. A poca distanza si trovano la riserva naturale di Torre Guaceto, la città di Brindisi e a proseguire fino a sud, nel basso Salento. Verso nord, poco distante c’è la Valle d’Itria e tutte le ospitali località marine. Dunque un luogo ideale dove trascorrere rilassanti vacanze coccolati da Antonella, Alberto e i loro figli Ornella e Francesco, oltre a tutto il premuroso personale.

Camping Villaggio Pineta al Mare – Viale dei Tamerici,33 -Lido di Specchiolla, 72012 Carovigno (Br).

Giuditta Dina Lagonigro

Il Negroamaro-Vitigno di Puglia

Il Negroamaro è un vitigno indissolubilmente legato alla storia vitivinicola della Puglia. Secondo quanto riportato nell’Atlante dei Vitigni di Puglia, i primi studi che lo riguardano risalgono al 1872, quando si parlava di un’uva coltivata soprattutto nel Salento “con grappoli mezzani e acini a forma di oliva, di nome Nero-Amaro, detto anche Niuru Maru, Nicra Amaro, Nero Leccese, Uva cane nel Capo di Leuca. Vi erano tracce anche in altri luoghi della Puglia e si presume che sia stato importato dai Greci insieme al sistema di coltivazione “ad alberello“. È molto interessante conoscere i nomi con cui il Negroamaro veniva identificato nelle altre zone: Cestoneia a Vico del Gargano(Fg),Amantunico a Gravina di Puglia. Anche nel circondario di Altamura, secondo l’ampelografo Giuseppe di Rovasenda, si allevava il Ranicuglio nero, coincidente con il Negroamaro. Nomi diversi, ma somiglianti caratteristiche del vino che ha un colore molto intenso, tannini ben presenti e in bocca una nota finale leggermente amara. 

I tannini sono sostanze naturali -polifenoli- che si trovano nella buccia, nei vinaccioli e nel raspo-(tannini catechici) che dal processo di vinificazione, fino all’affinamento nel tempo, conferiscono colore, più o meno accentuato e sono essenziali al sapore finale del vino; ci sono anche i tannini rilasciati dalle botti di legno che si chiamano gallici e si trovano nei vini che hanno subìto un processo di affinamento in botte. 

Il Negroamaro fu molto importante per dare nuovo vigore ai vitigni dopo la Fillossera che falcidiò anche la Puglia, agli inizi del ‘900.

Le uve contengono un’elevata quantità di zuccheri che trasmettono al vino una gradevole morbidezza. Il vino prodotto da sola uva Negroamaro (quando è giovane), ha una tonalità rosso rubino molto scuro, quasi inviolabile; i profumi, prevalentemente di piccoli frutti rossi e neri, come more, ribes e gelso, si ritrovano al gusto. Comunque, per quanto il vitigno sia lo stesso, ogni vino ha proprie caratteristiche che derivano dal territorio, dal tipo di vinificazione, dalle scelte del vignaiolo…

Il Negroamaro si può gustare anche nella versione “rosato” -fermo o spumante- che regala al naso profumi di fiori ed eleganti note fruttate. Il colore non deve ingannare perché anche il Negroamaro rosato, al contrario di un errato pensiero di alcuni, è un vino di grande struttura, ormai conosciuto e apprezzato in tutto il mondo.

IL Negroamaro insieme ad altri vitigni a bacca nera idonei alla coltivazione nella regione Puglia, come la Malvasia nera, contribuisce alla produzione di vini delle DOC Leverano e Salice Salentino. 

Il Negroamaro rosso è perfetto in abbinamento a pasta con sughi succulenti e a carni di vario genere: manzo, maiale, salsicce, pecora, selvaggina, cotti secondo le tradizionali ricette locali ma attingendo anche ad altri luoghi. I vegetariani potranno gustarlo con molti formaggi. Il Negroamaro rosato è perfetto con una ricca zuppa di pesce, con pesce fritto, al forno o anche crudo, per gli appassionati…

Forma una coppia perfetta anche con carni bianche, torse salate e frittate, solo per fare qualche esempio.

Buona degustazione.

Giuditta Dina Lagonigro.

La fotografia è stata presa dal sito politicheagricole.it

ACETO BALSAMICO TRADIZIONALE DI MODENA

L’aceto, bianco o rosso è considerato per lo più un condimento che a volte serve anche per la pulizia delle stoviglie. Esso, in sintesi, è il risultato della fermentazione  acetica del vino che si trasforma attraverso i batteri;  non di solo vino è l’aceto. Ve ne sono, infatti, di vari tipi: di  sidro mele, di malto, di sherry, di riso…  L’aceto di vino di qualità deve essere  prodotto non solo da vino buono ma da uve sane e  non trattate con agenti chimici.  In Italia, oltre a produzioni industriali, vi sono piccole aziende che si sono unite per far conoscere la storia e la versatilità dell’aceto. In quest’ appuntamento racconteremo la storia di uno dei fiori all’occhiello della gastronomia italiana: l’Aceto  Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P.(denominazione origine protetta), raccontata da un assaggiatore  della Consorteria Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, incontrato durante la visita al Museo del Balsamico  Tradizionale di Spilamberto.

L’origine del balsamico risale a molti secoli fa. Solo nell’800 il pregiato Aceto viene valorizzato dal punto di vista storico e scientifico. Sono stati il Conte Giorgio Gallesio  e l’Avv. Francesco Aggazzotti a determinare le differenze tra il tradizionale e altro aceto, portando a conclusione la fase che dal mosto cotto porta al balsamico. In tutte le famiglie era consuetudine cuocere il mosto che serviva in casa come dolcificante. Gli Estensi hanno il grande merito di aver fatto conoscere il mosto cotto nel resto d’Europa dopo la permanenza a Modena. Il disciplinare dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena prevede l’utilizzo di  uve coltivate in zona: Trebbiano di Spagna perché è un vitigno con molti profumi, l’Ancellotta, uva molto dolce, dà la sensazione di vellutato, i Lambruschi danno l’acidità. Dopo la vendemmia si pigia l’uva nel giro di poche ore, si spilla al mattino e si rimette nei paioli per la cottura del mosto. Questo viene cotto a fuoco diretto e a cielo aperto per favorire l’evaporazione e quindi la concentrazione. La prima fase è importantissima perché la temperatura alta, 90°-95°, favorisce la salita in superficie di tutte le sostanze che non fanno parte del prodotto finale. La botticella in cui si pone il mosto ha una duplice funzione: quella di contenitore e quella di “laboratorio”. Infatti, essa  favorisce lo scambio di ossigeno con l’esterno (naturalmente ogni botte ha una sua vita) e quindi la trasformazione, fermentazione, maturazione e invecchiamento dell’aceto. È importante scegliere accuratamente il legno della botticella, legno che deve essere stato sottoposto a stagionatura naturale per almeno quattro-cinque anni. Trascorso questo tempo si comincia a lavorare formando le doghe, perfettamente rifilate, poi l’incastro che deve essere profondo e preciso. Alla fine si assembla la  botte, prima con cerchi provvisori, poi con cerchi di acciaio inossidabile. A lavoro terminato c’è il collaudo poi la consegna. La qualità  del legno è fondamentale; la botte, infatti, dovrà resistere per almeno cinque generazioni. “L’acetaia non è proprietà di alcuno… Gli uomini appartengono alle acetaie, contribuiscono alla sua evoluzione e devono creare le condizioni perché resistano nel tempo…”Il luogo più adatto per ospitare l’Aceto Balsamico durante la sua evoluzione è il sottotetto-solaio. Qui, infatti, si ritrovano le escursioni termiche caldo-freddo che servono all’ABTM. Le alte temperature estive cominciano a lavorare, gli zuccheri si trasformano in alcol e l’alcol in acido acetico. In inverno l’aceto decanta, raggiungendo quella limpidezza che è una peculiarità dell’aceto balsamico. Una batteria ideale dovrebbe avere minimo cinque barili. In quelli più grandi, nel giro di cinque – sei avviene la fermentazione  cui segue l’ossidazione acetica; nella parte centrale il prodotto rimane almeno quattordici anni per raggiungere l’affinamento, nella botticella più piccola l’aceto si affina, lì avviene il “miracolo” della trasformazione del mosto in Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, le cui componenti acquisiscono un eccezionale equilibrio. Profumi, colori e sapori si concentreranno nella botte più piccola. Da un quintale di uva, dopo venticinque anni si ottengono due litri di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena. La comprensione dell’ABTM dal punto di vista organolettico, avviene in prima battuta attraverso l’esame visivo; il colore deve essere bruno scuro, carico e lucente (ciò dipende dall’evoluzione che avviene nella botticella).Per  l’esame olfattivo si valuta la franchezza, cioè l’assoluta assenza di difetti. Per la parte gustativa è determinante  il carattere del corpo e la sua pienezza. Rilevante è l’armonia che insieme ai profumi costituisce la proprietà nobile dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena. L’ABTM rappresenta l’identità delle famiglie, segue la loro storia e s’identifica con le sue generazioni, per questo è la più bella eredità da lasciare. L’ABTM è un prodotto con un disciplinare rigidissimo. Una selezionata commissione d’assaggio è preposta alla valutazione  sia quello affinato con dodici anni di invecchiamento, sia quello extravecchio con un minimo di venticinque anni. Il punteggio non dev’  essere inferiore a duercentoventicinque punti. Se L’aceto non supera il primo esame, torna nelle botti per ripresentarsi davanti alla commissione qualche mese dopo, o addirittura l’anno successivo. Se è idoneo,  il Consorzio provvederà all’imbottigliamento, capsula rossa per l’affinato, capsula oro per lo stravecchio. Come accade per tutti i migliori prodotti italiani, anche l’ABTM è soggetto a imitazioni, in tutto il mondo ma è difficile sbagliare, il vero e originale Aceto Balsamico Tradizionale di Modena è solo quello del Consorzio di Spilamberto. Come si usa in cucina il pregiato Aceto Balsamico Tradizionale di Modena? Quasi sprecato sull’insalata fresca (parere personale) valorizza molte pietanze, formaggi, carne, pesce frutta e anche gelati. La temperatura del cibo esalta in maniera differente le proprietà organolettiche dell’ABTM consentendo a professionisti e appassionati di giocare sulle molteplici combinazioni gastronomiche.

Questo articolo è stato pubblicato sul portale online algrama.it

Giuditta Dina Lagonigro

Damijan Podversic – Un sogno che si realizza.

Parte della nuova cantina Podversic

Vent’ anni di sogno, un cammino iniziato seguendo le orme del nonno e poi del padre, scelte difficili dettate dalla consapevolezza di andare oltre convenzioni e disciplinari, superando confini mentali con la determinazione di chi ha un progetto che coincide con la visione della sua vita e cerca di andare fino in fondo, a tutti i costi. Parliamo di Damijan Podversic, vignaiolo di Gorizia, figlio di una terra al confine con l’odierna Slovenia che ha subito le brutture di una guerra fratricida, di cui ancora sono visibili tracce che rendono ancora più vivi i dolorosi ricordi. Il sostegno della famiglia- la moglie Elena e i tre figli- è stato ed è fondamentale; infatti per la nostra visita abbiamo una giovane ma ormai esperta “guida”: Tamara Podversic. Siamo in località Monte Calvario, percorriamo una strada che si fa spazio tra gli alberi prepotenti di un fitto bosco e, curva dopo curva giungiamo alla sommità della collina che tra i vigneti, con discrezione svela una sorpresa: la nuova “cantina” Podversic, il sogno che si realizza.

La famiglia Podversic, racconta Tamara, si è sempre occupata di vino. Durante la guerra alcuni ettari sono andati perduti, la storia si rinnova con 6000 metri di vigneto di Malvasia, Tocai e Chardonnay ( fino a oggi base del Kaplja ma in via di sradicamento) in zona San Floriano, ereditati dal nonno.

Sul Monte Calvario sono impiantati 10,5 ettari di vigneto in totale- Ribolla gialla con viti di diverse età, posti in lembi di terra a loro confacenti- e Pinot grigio. “Per ottenere un gran vino sono importanti tre fattori: la terra vocata alla frutticoltura, legata a un concetto di non irrigazione, l’acqua che viene trovata dalle radici e la varietà dei vitigni autoctoni dei quali va rispettato il carattere.”

Le vendemmie sono tardive e non sono fissate in giorni precisi. L’uva va seguita fin quando non è veramente pronta. Le parti importanti di un grappolo sono la buccia e i semi. Questi sono portati alla massima maturazione, facendo attenzione a vendemmiare un attimo prima che l’acino si stacchi dal grappolo.

Il seme deve essere maturo…

Fra qualche tempo la nuova cantina diventerà operativa e tutte le fasi della vinificazione saranno effettuate in un ambiente straordinariamente suggestivo. Essa è stata progettata dall’architetto Ignazio Vok, purtroppo scomparso qualche mese fa. Un uomo visionario, della vecchia guardia, che guardava oltre…La cantina, orientata a nord, è interrata, visibile solo in parte nel rispetto del territorio, ma anche costruita con l’intento di essere funzionale, giacché in tal modo la temperatura interna rimane costante.

Il panorama circolare…

Si sviluppa su tre livelli con sale sovrapposte e comunicanti tra loro, ha forma troncoconica come le botti in cui si affina il vino, la lavorazione dell’uva comincerà dall’alto.La forma ovale, scelta per le sale dall’architetto Vok è stata voluta per dare un senso di continuità agli ambienti.

Un concetto architettonico che è anche una metafora, quella della continuità del lavoro dalla vigna alla cantina, la vita in continuo divenire. Il progetto ha considerato tre elementi fondamentali per una cantina: temperatura e umidità costanti e aria pulita in circolazione. La temperatura costante è assicurata dalla posizione interrata della costruzione, l’umidità costante è data da marna e arenaria (ponka), lasciate a vista con la funzione di filtrare l’aria ed evitare condense.

Il ricambio di aria sarà garantito dalla presenza di griglie, sbocco di un sistema di tubi sotterranei collegati all’esterno, fino al bosco. Anche la sala degustazioni, cuore della cantina è stata progettata per consentire la massima concentrazione durante l’assaggio dei vini, senza alcun elemento che possa distrarre i presenti. -“La natura rimane fuori perché il vino, quando l’uva arriva in cantina non è più parte di essa, quindi bisogna concentrarsi su ciò che è diventata”- afferma Tamara.

Tamara Podversic

Una zona veramente magica è la cantina storica costituita da un anello di cemento che avvolge un semi cono di roccia, la ponka a vista che è la parte più viva, il polmone, il respiro della cantina.

Tanto lavoro è stato fatto ma ancora un po’ di tempo servirà per completare quello che è quasi un tempio, un luogo spirituale, reale espressione del credo della famiglia Podversic.

Nel frattempo le degustazioni continuano nella cantina di famiglia, a Gorizia dove abbiamo con piacere assaggiato : Nekaj 2015 – Malvasia 2015-Ribolla Gialla 2015 – Kaplja 2015, gustati in calici eleganti ed ergonomici, disegnati anch’essi dall’architetto Vok.

Le uve dopo la vendemmia manuale fermentano con buccia e seme per circa tre mesi, in pratica da quando parte la fermentazione tumultuosa fino al termine della malolattica (processo enzimatico successivo alla fermentazione alcolica, durante il quale l’aggressivo e pungente acido malico si trasforma in acido lattico, più delicato, che rende più stabili i vini).Il vino rimane nelle botti per tre anni, per evitare ossidazioni. Qui avviene la microssigenatura, nelle bottiglie il vino mantiene la freschezza.


Nei vini si ritrova davvero il sapore dell’uva, nel confronto anche il meno esperto coglie la differenza tra i vitigni. Ciascuno ha la sua personalità. Per Damijan il vino dev’essere dorato, con riflessi diversi che cambiano secondo le annate. La mineralità del territorio (sapidità che rimane sulle labbra), la croccantezza (il vino deve sapere di uva) e il ritmo dell’ annata sono i fattori imprescindibili per ottenere un vino fatto come natura comanda, elegante, che mira a raggiungere la perfezione.

Un anelito presente in ogni sorso di vino…

Grazie a Tamara Podversic che con professionale discrezione trasmette la passione di un’intera famiglia che ha accompagnato Damijan alla realizzazione di un sogno.

CUCINA SICILIANA di popolo e signori 2

Cucina Siciliana di popolo e signori 2 –  è il titolo dell’ultimo libro di Martino Ragusa, gastronomo, scrittore, giornalista, pubblicista, blogger, autore televisivo e teatrale, medico psichiatra, agrigentino di  nascita che, dopo aver vissuto per decenni a Bologna girando anche per il mondo, è tornato in Sicilia, a Ribera, in una casa circondata da un magnifico giardino dove tra le altre cose si occupa dei suoi ulivi, dell’orto e delle  galline. -222 ricette tradizionali e innovative- tante sono le storie di ogni singolo piatto, frutto di una minuziosa ricerca storica che completano, si spera non definitivamente, un percorso iniziato con il primo volume: Cucina Siciliana di popoli e Signori -216 ricette tradizionali e innovative-.

 “Se è vero che mangiamo ricordi” afferma Mario Liberto, scrittore siciliano, giornalista e poeta cui è stata affidata la prefazione del libro, Martino Ragusa recupera attraverso la sua memoria sensoriale fatta di vista, olfatto e gusto, ricette senza tempo, sempre alla moda, intrise di storia, cultura, tradizioni…Attraverso il recupero di codici alimentari testimonia la fusione di sapere e sapori, assemblati dalla cucina siciliana che ha saputo mediare la cultura gastronomica orientale con quella occidentale…”

L’introduzione di Martino Ragusa è prima di tutto una pagina di storia personale, attraverso la quale rende partecipi i lettori di un frammento di  vita familiare. Leggendo la narrazione di una parte della   sua infanzia ci sembra di essere accanto a lui, mentre osserva la sua mamma, dalla quale  ha appreso quelle che potremmo chiamare  le linee guida, le basi;  insomma  è come se avesse già da piccolo frequentato un corso di cucina a più livelli. Il lettore potrà gustare e assaporare la descrizione di momenti  sereni, soprattutto nei giorni di festa come Natale o Pasqua,  trascorsi a eseguire ciò che  mamma e zia –le generalesse- ordinavano alle truppe formate da figlie adolescenti e da bambini. Non intendo anticipare altro dell’ introduzione  dell’Autore, che di per sé è già un mini racconto. Certo è che il libro si sfoglia con gli occhi di un bambino stregato dai colori delle belle fotografie e con il languore di un adulto cui viene fame già leggendo le ricette. 

Queste sono frutto di un lungo percorso di studio e di ricerca. Sono state tutte provate e la scelta finale ha favorito quelle che rispondono al gusto contemporaneo; quelle “impresentabili a tavola” sono comunque citate.

Il mio entusiasmo anche per quest’ultimo lavoro di Martino Ragusa è assolutamente parziale. Ho il piacere di conoscerlo personalmente da molti anni e posso affermare di essere stata testimone diretta della sua meticolosità, non solo tra i fornelli. Del resto la mia è solo una flebile voce rispetto all’amore che fans e followers  tributano a Martino Ragusa,  che indossi le vesti di scrittore, gastronomo, di autore televisivo,  teatrale, di blogger…

“Quando Martino cucina, le mani sono ai fornelli e la mente va ai libri. Quando scrive, le dita battono sulla tastiera ma la mente prova un ingrediente, tiene d’occhio una cottura, prepara l’allestimento del piatto.” (Cit.)

Quando si legge un libro di ricette di Martino Ragusa, gli ingredienti si animano attraverso il racconto della loro storia, fino a formare il capolavoro che ciascuno di noi potrà ripetere, grazie alle esatte indicazioni dell’Autore.

“Ricette siciliane tra passato, presente e futuro” buone a tutte le latitudini.

Cucina Siciliana di popoli e signori 2 – 222 ricette tradizionali e innovative di Martino Ragusa – Edizioni Momenti.

Da non perdere il precedente :

Cucina Siciliana di popolo e signori-216 ricette tradizionali e innovative di Martino Ragusa – Edizioni Momenti.

Il blog di Martino Ragusa: martino ragusa.it

Giuditta Dina Lagonigro

Farra Wine Festival 2019

Con discrezione e grande impegno organizzativo è giunto alla quinta edizione il Farra Wine Festival- Food & Wine Experience che si svolgerà il 24 agosto nella Corte dell’azienda Colmello di Grotta, in via Gorizia 133, a Farra d’Isonzo, dalle 19.00 alle 23,30. Milena Colucci, la mente organizzativa dell’evento, quest’anno riserverà ancor più sorprese in una manifestazione ricca di protagonisti, in persona e in materia del mondo dell’enogastronomia e dello spettacolo.




Saranno in degustazione vini di rinomate cantine di Farra d’Isonzo, del Collio, del Carso, del Brda (Collio Sloveno), della Vipavska (valle del Vipacco-Slo), e del Cof (Colli Orientali del Friuli), che saranno abbinati a pietanze preparate da ristoranti, wine bar e attività agro alimentari ben conosciuti nel territorio e non solo. Per concludere caffè e digestivo…

Per gli appassionati di vini macerati e per chi vorrà cominciare a conoscerli sarà predisposto l’angolo degli Orange Wine con aziende che a pieno titolo rappresentano quella tipologia di vini.

Ospiti due regioni italiane, Puglia e Sicilia, con i loro prodotti enogastronomici.

Scendiamo nei particolari:

Il benvenuto con Piè di Mont – Cuvée Spumante Metodo Classico.

Per il Contado di Farra d’Isonzo: Bressan Fulvio-Borgo Conventi-Colmello di Grotta-LaBellanotte-Jermann-Villa Parens-Tenuta Villanova

Per il Collio, Carso e Cof: Scolaris-Ferlat-Castelvecchio-Ca’Ronesca-Roncus-Bastianich.

Per l’angolo Orangewine: Radikon-Paraschos-La Castellada-Franco Terpin- Dario Princic.

Per l’angolo regionale: Cooperativa Elorina per la Sicilia (Noto) e Tenuta Viglione per la puglia (Santeramo in Colle).

Per gli assaggi di cibo e prodotti del territorio saranno presenti: La Ghironda-Ai Due Leoni-Agli Antenati-La Chef Mobile-Enoteca dell’Impero-Al Refolo Hosteria Creativa-Il Ciant dal Rusignol-Azienda Agricola Li.Re.Ste.-I Mieli di Romans-Il Forno Storico-Veliscek Società Agricola- Società Agricola 4 Principia Rerum-Mirco Snaidero Affettatrici-La Glacere-Osteria al Molino-Osteria Vite Selvatica-Agriturismo Drejce-Cantine Terre Petrussa-La Boatina-Ristorante 1883-Ristorante Buzinel-Osterija Zogica-Gredic Castelletto di Zegla-Castello di Kromberk- Che Lumaca-Istra Tartufi Italia- L’oca Golosa.

I prodotti siciliani in degustazione: Patè di pesce – Pomodori secchi-Caciocavallo ragusano semistagionato- Pasticceria alla mandorla.

I prodotti pugliesi: Pane di Altamura Dop e Olio extravergine d’oliva.

A conclusione il caffè Goriziana Caffè e il “nobile digestivo” offerto dall’ANAG -Assaggiatori grappe- delegazione di Gorizia.

L’intrattenimento sarà affidato al DJ Luca Persolija e a Pasquale Gentile, presentatore e animatore goriziano. Collegamenti anche con la trasmissione Videobook di TV Caffè 24.

Interverrà, arrivando da Altamura, in missione per conto della Murgia, il gruppo musicale de Uaragniaun, con canti e musiche della tradizione popolare pugliese, in particolare della Murgia barese.

Il costo del biglietto è di €40, in prevendita €35.

Per info: Milena cell. 347 0678042 e-mail milena.colucci@inwind.it

www.farrawinefestival.eu

www.uaragniaun.com

g.d.lagonigro

100 acini-un sorso di qualità

Articolo di Maddalena Nuzzi

30 ettari vitati, 20 viticoltori, 7 vitigni selezionati, 6 comuni coperti, 20 parametri controllati, 3000 analisi effettuate = 100 Acini di cantina sociale Luca Gentile – Cassano delle Murge (Ba).

Luca Maroni ha degustato 100 Acini 2018 definendolo: “Uno tra i rossi più suadentemente morbidi dell’anno. Una crema di ciliegia nera, speziata di dolcissima effusione non solo olfattiva. Al palato infatti la morbidezza del frutto eguaglia perfettamente la somma della sua acidità possente e del suo fitto tannino. Avvolgentissimi  gli esiti di piacevolezza gustativa balsamicamente rara. Un vino di concentrazione estrattiva eccellente, enologicamente trasformato con pieno e in ossidato rispetto della mirabile materia prima.    Punti 96”.

 100 Acini, un blend di malvasia, primitivo e merlot, una “caccia alla qualità”  voluta da Vincenzo Gentile, presidente della cantina cooperativa Luca Gentile in collaborazione con la “Vinifare Wine Consulting” dell’enologo Teodosio D’Apolito.

Addetti ai lavori e non, sanno che esistono fattori imprescindibili che fanno di un vino un vino di qualità: ilvitigno, il terreno, il clima, l’uomo ; nella creazione di 100 Acini l’uomo è stato fondamentale, anzi, gli uomini : Bertini Nicola, D’Addabbo Leonardo, D’Addabbo Angelo, De Napoli Dontoantonio, Dinielli Giuseppe, Falcicchio Donato, Gentile Vincenzo, Giustino Rocco, Lanzolla Angelo, Liuzzi Gaetano, Martielli Antonio, Nigro Paolo, Nuzzolese Leonardo, Pedone Annamaria,  Pietrantonio Vito, Rizzi Francesco, Rizzi Alberto, Serini Domenico, Siletti Michele, Valentino Giovanni, Azienda  Agricola Di Leo, Azienda  Agricola Santa Chiara

Questo gruppo di uomini assieme alla cantina ha creduto nel “progetto di qualità”  e guidati dall’enologo hanno analizzato  i terreni,  le foglie,  sottoponendo le uve ad un  costante  controllo durante la  maturazione per  stabilire l’epoca di vendemmia  e destinare i singoli grappoli, maniacalmente selezionati,  alla nascita del  100 Acini.

Il progetto, che è durato un anno solare, parallelamente al ciclo biologico della vite, ha visto preziosa la gestione idrica e il controllo degli eventuali attacchi di botrytis;  gli acini poi sono stati periodicamente degustati secondo il metodo ICV, cioè sottoposti  ad analisi sensoriali al fine di valutarne le caratteristiche meccaniche, l’equilibrio acidico, la potenzialità aromatica, la quantità e la qualità dei polifenoli nonché la rispettiva localizzazione,  l’individuazione eventuale di  disequilibri nel grado di maturità delle diverse componenti dell’acino e di situazioni di stress della vite per aiutare  a meglio valutare il momento della vendemmia.

Ma qualche domanda la facciamo al presidente :

Perché 100 Acini?

100 acini è la quantità di bacche usate per l’analisi di maturità tecnologica e polifenolica .

Dove lo troviamo?

On line sul sito della cantina.

Quanto costa?

 € 12,50

www.cantinagentile.com

Degustazioni durante una cena poliphenolica…

É consuetudine affermata e confermata dagli anni, quella degli gli amici poliphenolici, di incontrarsi periodicamente a cena, trasformando l’appuntamento in un momento didattico… Alcune volte si decide di scegliere e degustare alla cieca vini dello stesso vitigno, di diverse annate, provenienti da differenti zone. Altre volte ciascuno porta il suo contributo in base al menù. In questa circostanza la cena era a base di pesce, adatta a una serata estiva:insalata fredda di orzotto con pomodorini gialli e rossi, tocchetti di formaggio primo sale, olive verdi e nere condite, zucchine e melanzane grigliate, crostini con patè di branzino, calamari, alici (chiamati sardoni in Friuli Venezia Giulia), filetti di gallinella e patatine fritte, accompagnati da verdure; pesche marinate, e dolci vari preparati homemade da alcuni poliphenolici. Non ci sono foto del cibo, credeteci sulla fiducia.

Il viaggio attraverso i vini ha toccato varie regioni d’Italia ma anche l’estero: Germania,Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna.

LEZER 2017 -Azienda Foradori IGT Teroldego, 12,5° – Mezzolombardo (Tn)- Triple A (agricoltori,artigiani,artisti). Vino rosato che nasce dall’assemblaggio di diverse prove di vinificazione in differenti contenitori (cemento, anfora, acciaio);prima della commercializzazione viene affinato in cemento per quattro mesi. È un vino “leggero” come dice il nome ma nel contempo fine, consigliato in abbinamento con antipasti o comunque con piatti non impegnativi.

PFALZ 2017 Riesling 12° Deutscher Qualitätswein-Muschelkalk- Tomas Hensel. Il Riesling si afferma con la sua freschezza, con un’acidità spiccata, di sicuro darà il meglio di se nel tempo.

Korsic Friulano 2018 13,5° Doc Collio -Azienda Rodolfo Korsic – San Floriano del Collio(Go); vino potente, elegantemente rappresentativo del Tocai della tradizione.

Korsic Malvasia 2018 14°Doc Collio-Azienda Rodolfo Korsic-San Floriano del Collio (Go); la Malvasia-ultimo prodotto dell’Azienda Korsic- e il pesce sono in perfetta sintonia.

Surliè 2018 Azienda Mariotti, vino frizzante ottenuto da uve Fortana dell’Emilia, Ferrara, Parco del Delta del Po, con il tradizionale metodo di rifermentazione in bottiglia. È un vino che incuriosisce per le sue caratteristiche, nasce infatti da vigneti a piede franco della fascia dunosa del Bosco Eliceo, su terreno sabbioso e piante centenarie che “risentono della vicinanza del mare e delle sue brezze”.

Ramandolo Il Longhino dell’Azienda Dario Coos – Loc. Ramandolo Nimis (Ud), da uve Verduzzo giallo- è un vino giovane, fresco, non stucchevole ottenuto dalla primizia di Ramandolo.

Giuditta Dina Lagonigro

Schioppettino di Prepotto Unico per natura-dieci anni di storia.

Si scrive Prepotto del Friuli ( Prapòt in friulano, Pràpot in friulano medievale), si legge Schioppettino di Prepotto, vino simbolo della cittadina immersa nella Valle dello Judrio, circondata  da una rigogliosa e florida natura, da lussureggianti boschi e  da ordinati vigneti che rientrano nella Doc Friuli Colli Orientali, sottozona  Schioppettino di Prepotto dal 3 giugno 2008. A tutela e valorizzazione di uno dei principali prodotti locali nel 2002 si è costituita l’Associazione Schioppettino di Prepotto, rappresentata da aziende  che lavorano  incessantemente per presentare lo Schioppettino alias Ribolla Nera o Pokalça,  in Italia e naturalmente oltre confine.  A rilanciare l’obiettivo  è stata la terza edizione dell’evento “Appuntamento a Prepotto- Incontro con lo Schioppettino di Prepotto,  Tradizione e Cultura”, organizzato  l’1 e il 2 giugno scorso, con il patrocinio del Comune di Prepotto e della Pro Loco, oltre a enti istituzionali  regionali.

Due intense giornate di grande respiro in senso lato giacché il Castello di Albana che ospita la manifestazione, offre l’opportunità di godere un meraviglioso panorama e di trovare sollievo in un ambiente incontaminato. Ricco il programma che comprendeva appuntamenti di diversa natura aperti ad adulti e bambini. Convegni, degustazioni di vini e prelibatezze degli artigiani del gusto, escursioni tra vigneti e boschi ma anche nel tempo anche attraverso racconti storici, hanno sicuramente arricchito quanti vi hanno partecipato. 

Tra queste attività, grande successo ha riscosso la degustazione organizzata dall’Associazione Produttori dello Schioppettino di Prepotto, attraverso un viaggio lungo otto anni con venticinque vini Schioppettino di Prepotto, delle annate 2016-2015-2013-2012-2011-2010-2009-2008, presentati dalle aziende vinicole associate. L’Associazione nata nel 2002, oltre alle iniziative volte  alla promozione del vino ha avviato studi e analisi sul vitigno e sulle sue peculiarità ampelografiche, creando tra l’altro, un vigneto catalogo. Importante la collaborazione con il Dott. Macrì dell’Enologica Friulana per il progetto di selezione del lievito autoctono dello Schioppettino, per cercare di caratterizzare ancor di più la produzione enologica.

Anna Muzzolini, Presidente dell’Associazione Produttori dello Schioppettino, salutando anche Leonello Gabrici, il proprietario del Castello di Albana che apre il maniero all’evento, ha riproposto la necessità di organizzarsi sul territorio perché si possa apprezzare la bellezza paesaggistica oltre ai prodotti  enogastronomici.

Il Sindaco, avv. Mariaclara Forti ha manifestato la ferma intenzione dell’amministrazione comunale di creare una rete tra tutti i protagonisti del territorio, per creare maggiore interesse  verso quei luoghi che meritano sicuramente più alti riconoscimenti.

La presentazione delle otto annate di Schioppettino di Prepotto è  stata guidata da Liliana Savioli, sommelier, relatrice, giornalista, con la partecipazione di Paolo Ianna, wine consultant, docente di Master vino Slow Food, grande esperto del mondo enologico e naturalmente anche  dello Schioppettino di Prepotto, al quale è stata data subito la parola. Importante è la ricerca che continua sul vitigno Schioppettino, ha affermato Ianna. Le ricerche si stanno rivolgendo allo studio del rotundone, la molecola  “responsabile “ del profumo di una spezia, nella fattispecie del pepe, presente anche in altri vitigni quali Nespolina, Syrah, Terrano, Pinot nero. Quel terpene entra a far parte del patrimonio olfattivo e quindi può essere riconosciuto nel tempo.  Grandi studiosi e ricercatori si stanno  occupando del rotundone, cercando di comprenderne l’origine, se c’è un suolo su cui vive meglio e se vi siano condizioni che ne favoriscano l’espressione. Gli Australiani stanno studiano la molecola nel Syrah ma non vi è ancora una sintesi. Il prof. Macrì con le sue ricerche ha raggiunto buoni risultati. Probabilmente nei prossimi mesi sarà pubblicato un resoconto accessibile a quanti ne fossero interessati. I produttori dell’Associazione Schioppettino di Prepotto, ha continuato Ianna, sono da lodare poiché in una terra di grandi vini bianchi hanno puntato su un vitigno a bacca nera, hanno elaborato un ottimo disciplinare oltre a continuare nella ricerca. Tasselli questi, che aiutano lo Schioppettino a trovare una propria identità. 

Liliana Savioli, ringraziando il Comune di Prepotto, l’Associazione Produttori dello Schioppettino e gli intervenuti ha proseguito con un’accurata esposizione del territorio e degli stessi vini. 

Prepotto, Prapotno in sloveno-la Slovenia è terra confinante- significa felce, comprende trentacinque frazioni con 740 abitanti. Risale al 1282 la traccia di viti nella zona di Albana.  La terra è fatta di ponca, “un impasto di arenaria e marna, ricco di microelementi stratificatisi nel corso dei secoli”. La ponca, secondo la zona può cambiare colore, ci sono anche marne  rosse perchè  ferrose. 

A 60/70 cm di profondità, sotto la ponca c’è la ghiaia. Un’altra variabile è l’acidità che caratterizza il terreno. Su duecento ettari solo trenta sono destinati alla coltivazione dello Schioppettino di Prepotto…

Citando uno stimolate contributo che il Dott. Claudo Fabbro e il Prof. Carlo Petrussi porsero in un’altra circostanza, ricordiamo le lunghe battaglie sostenute per salvare dall’oblio l’antico vitigno autoctono dello Schioppettino. Sicuramente presente da secoli nel territorio di Prepotto, si parla specificatamente  di uva delicata originaria di Prepotto negli Atti e memorie della società agricola di Gorizia del 1877.  Nella  metà degli anni settanta lo Schioppettino fu maltrattato dalla burocrazia locale, nazionale e comunitaria, fino a essere considerato fuorilegge. Solo grazie a vignaioli ribelli, supportati da eventi mediatici importanti e da stimate personalità del mondo dell’enologia, lo Schioppettino è stato riabilitato e riammesso in vigna. Non sono mancati testi di grande spessore dedicati al vitigno, nostro protagonista.  Ricordiamo Walter Filiputti, Attilio Scienza, Antonio Calò e Carlo Petrussi, secondo cui il primo vigneto di Schioppettino risale al 1981. A questo ne seguirono altri. Dodici sono i biotipi individuati: sei a Prepotto, cinque a Cividale, uno a Ruals, figli di una vigna ormai estirpata. Oggi si contano cinque cloni di Schioppettino (il clone è materiale che viene fuori da un unico ceppo, virus esente). Il vigneto- catalogo di Prepotto, continua Petrussi, nasce per mettere insieme biotipi ma anche per unire il territorio. Il vitigno deve esprimere la collegialità del territorio.

L’amore per la propria terra, la passione, la determinazione con cui i vignaioli lavorano vengono inevitabilmente trasportati nei vini e la degustazione didattica che è seguita lo  ha testimoniato. Ecco i vini presentati.

Annata 2016: Grillo Iole-Vigna Lenuzza- Marinig Valerio-Pizzulin-Ronco dei Pini-Stanig-Vigna Petrussa- Vie d’Alt- Colli di Poianis.

Annata 2015 : Antico Broilo-La Buse dal Lof-RoncSoreli-Vigna Traverso.

Annata 2013: Colli di Poianis-Vie d’Alt.

Annata 2012: Ronco dei Pini.

Annata 2011: Vigna Petrussa-Marinig Valerio-Stang.

Annata 2010: Antico Broilo (Riserva)-Pizzulin-Vigna Lenuzza.

Annata 2009: Grillo Iole-Vigna Traverso.

Annata 2008: Ronc Soreli (Riserva)

È stato entusiasmante viaggiare nel tempo attraverso vini con caratteristiche diverse ma con una sorta di marchio, d’impronta che, come si dice sempre, ma in questo caso è vero parla di territorio. In un susseguirsi di sentori di spezie, di violette, di frutti rossi, di vaniglia, sono stati percorsi i trenta ettari di vigneti dedicati allo Schioppettino di Prepotto. Naturalmente ciascun vino era frutto dell’annata e figlio del produttore. Ogni azienda è stata raccontata dai rappresentanti in sala. Tutti d’accordo con Michele Pavan (La Buse dal Lof-La tana del lupo) il quale ha ricordato il lavoro di nonni e padri che, con tutte le difficoltà presenti in un territorio di confine con l’allora Jugoslavia, hanno dovuto gestire le terre senza molta preparazione, lasciando però le basi alle nuove generazioni.  Grande è lo sforzo per produrre un buon vino, un buon Schioppettino di Prepotto, perciò è necessario che si badi alla qualità e non alla quantità.

Questo è anche il nostro auspicio.

Giuditta Dina Lagonigro

schioppettinodiprepotto.it

Appuntamento diVino in giardino

Articolo di Maddalena Nuzzi

Un atteso, assolato pomeriggio d’inizio giugno e un giardino pensile di oltre 1000 mq. hanno accolto la dinamica delegazione delle Donne del Vino di Puglia, anzi, delle diVine di Puglia e i loro vini. 

Siamo nel centro storico di Lecce, presso la storica dimora Muratore 

per partecipare all’iniziativa “Appuntamento in giardino” promossa dall’APGI Associazione Parchi e Giardini d’Italia, nel primo weekend di giugno , che ha come obiettivo la riscoperta delle ricchezze storiche, botaniche, artistiche e paesaggistiche custodite all’interno dei giardini italiani.

Quattordici etichette tra bollicine, bianchi, rosati e rossi a dare forma a un caleidoscopio di colori e note odorose   integrate con disinvoltura  ai muretti a secco, alla maestosa jacaranda, al falso pepe, al ginko biloba, al bagolaro dell’Etna, ai bambù, alle palme, ai profumati agrumi, ai melograni, alle vivaci buganville, ai capperi selvatici.

Il giardino si racconta e fa da cornice alle diVinecon le loro storie e con le storie dei loro vini, storie di quotidiana fatica in vigna, storie di territori, di tradizioni ma anche di innovazione, un riecheggiare di voci e  palpabile passione di un gruppo di donne unite e amiche.

Un pomeriggio a dimostrare che il vino è il migliore degli accessori da sfoggiare, mai banale e scontato, fautore di nuove amicizie e affinità e suggellatore di quelle già esistenti. Sempre sul pezzo le vulcaniche signore a proprio agio tra i delicati fiori come tra i filari del vigneto con il sorriso, unico comune denominatore, che le diVinenon faticano a sfoggiare.

Ma il quadro non è completo, RosachiaraMaurizio, perfetti padroni di casa,hanno permesso tutto questo, hanno aperto  le porte della loro storica dimora ai numerosi ospiti deliziandoli con  percorsi sensoriali a tutto tondo che hanno visto protagonisti i vini e i prodotti gastronomici del territorio: formaggi, focacce, taralli, frutta di stagione.  

Un’esperienza sensoriale dalle 18.00 alle 21.00, tradotta in armonia dai diVinivini delle diVine.

Grazie Dimora Muratoree grazie Donne del Vino di  Puglia.

 Arrivederci!

www.dimoramuratore.it

www.ledonnedelvino.com – puglia@ledonnedelvino.com