Angiolino Maule – Vino e Natura

Articolo di Claudio Toffoletto

Angiolino Maule

Andar in visita da Angiolino Maule è sempre una gioia perché hai sempre qualcosa da imparare, vedere e capire. 

Angiolino, vignaiolo della storica Azienda “La Biancara” nel cuore delle colline vulcaniche di Gambellara, è un punto di riferimento importante per molti produttori di vini artigianali. È il fondatore dell’Associazione VinNatur che al momento comprende “oltre 170 produttori di nove, diversi Paesi, ognuno con la sua storia un sogno comune: produrre vino naturalmente buono, con le persone e con l’ambiente”. La sua filosofia di rispetto per la natura è parte fondamentale  per la riuscita di un gran vino, privo di aiuti chimici da parte dell’uomo. 

Esperienza di Garganega: le mie degustazioni.

Garg’n’go 2018: Vino da uve Garganega di  prima rifermentazione messo in bottiglia a Febbraio con mosto di Garganega appassita. Vino Frizzante leggero, piacevole da aperitivo sentori di mela verde, pompelmo e fiori bianchi.

Sassaia 2018: Vigneti sulle Colline Sorio: Uve Garganega e una piccola parte di Trebbiano. Fermentazioni spontanea in botti di rovere e imbottigliato a Maggio successivo alla vendemmia. Si presenta di un color giallo paglierino, note aggrumate, frutta gialla, salvia e sentori minerali.

Pico 2017:  Cru di uve Garganega da Vigneti più vocati di Gambellara. Fermentazione spontanea, macerazione di 4 giorni e affinamento in botti a 15hl per un anno. Si presenta con un bel colore dorato, al naso salvia menta buccia d’arancia e una grande mineralità.

 Pico 2006 e 2001:   Vini strepitosi che possono far capire dove può arrivare la Garganega ma soprattutto capire la straordinarietà del lavoro di Angiolino Maule.

angiolinomaule.com

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.